Oro, prezzo in salita o in discesa?

Da inizio anno ad oggi le quotazioni dell’oro sono cresciute di circa un quinto rispetto ai prezzi che avevano contraddistinto la loro chiusura. Una buona notizia per questo bene rifugio, che tuttavia non offre particolari garanzie sul prossimo futuro: tanti analisti sottolineano che non è ancora tempo di cedere alle tentazioni e premiare nuovamente il metallo prezioso con convinzione, aprendo dunque fondamentali margini per cercare di capire in che direzione andrà il prezzo dell’oro nei prossimi mesi. Ne deriva che, investire con le opzioni binarie oro, è più difficile di quanto si possa pensare…

Quotazioni in rialzo e margini significativi

Come già ricordato, da inizio anno ad oggi le quotazioni dell’oro sono salite di circa il 20%, attestandosi oltre al soglia dei 1.260 dollari l’oncia, contro i poco più di 1.060 dollari l’oncia del primo giorno lavorativo del nuovo anno. Ne deriva che, mediamente, l’oro sta offrendo ai suoi investitori un ottimo guadagno del 6/7% su base mensile, donando pertanto importanti margini di apprezzamento. Tuttavia, anche se i guadagni sono significativi, e anche se l’ottimismo – pur tiepido – è presente sui mercati, è ancora troppo presto per poter parlare di una vera e propria corsa all’oro, quanto di una semplice risposta all’aleatorietà e all’incertezza che sta colpendo i mercati finanziari globali.

Come si muove il prezzo dell’oro

Come ben sanno tutti coloro che investono nelle opzioni binarie oro, il prezzo del metallo prezioso è denominato in dollari, ed è correlato negativamente alla forza della valuta verde. Ecco pertanto che, mentre si è osservata una flessione delle quotazioni del dollaro statunitense nei confronti di tutte le valute principali riferimento all’interno di quelle che compongono il basket più negoziato, si è assistito a un rincaro dei prezzi dell’oro che ha subito una corposa accelerazione proprio nelle settimane in cui è risultato evidente che la Federal Reserve si sarebbe presa una pausa nella sua corsa al rialzo dei tassi di interesse di riferimento monetario.

Come investire in opzioni binarie oro

Per investire in opzioni binarie sull’oro è necessario utilizzare una piattaforma di opzioni binarie regolamentata, che vi consenta di aprire delle posizioni e specularci sulle variazioni di prezzo. Esistono delle piattaforme come IqOption che consentono di iniziare con un conto demo e di iniziare senza spendere denaro, quindi di fare esperienza.

Quanto sopra è sufficiente per cercare di delineare uno scenario di grande variabilità nelle quotazioni dell’oro. I mercati, pur essendo tornati a dare significativa fiducia al metallo prezioso, non sembrano essere sufficientemente ispirati dall’alimentare la vera e propria corsa all’oro che in altre epoca aveva contraddistinto la ripresa delle quotazioni di quello che è tutt’oggi considerato come uno degli asset-rifugio per eccellenza. I prossimi mesi sono dunque di grande incertezza anche su questo fronte: come reagirà l’oro quando – nel secondo trimestre, o nel secondo semestre al più tardi – la Federal Reserve rimetterà mani ai tassi?

In attesa di saperne di più, quel che possiamo certamente osservare, nel breve termine, è la decisione della Federal Reserve (oramai, solo da formalizzare) di mantenere invariati i tassi di interesse di riferimento, frenando dunque quella che alla fine dello scorso anno era stata ipotizzata come una lunga corsa verso la normalità che avrebbe dovuto contraddistinguersi per circa 3-4 rialzi dei tassi di interesse all’interno dell’esercizio in corso. La pausa di riflessione impone invece qualche cambiamento nel ritmo precedentemente fissato, anche se la direzione è oramai intrapresa: si tratta dunque di un rallentamento nella politica monetaria di rialzo dei benchmark da parte della Federal Reserve, ma non certamente di un ripensamento.

A nostro giudizio, è possibile che da qui a fine anno possano esservi 1 o 2 rialzi (più difficilmente 3). Ed è possibile che, se non vi saranno peggioramenti nelle tensioni finanziarie internazionali, il primo possa essere già nel secondo trimestre. A quel punto, comprendere come si direzioneranno le quotazioni dell’oro, potrebbe essere più semplice.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*