Dove si può usare la sigaretta elettronica

Per i fumatori questi sono tempi duri. La legislazione italiana, ma anche quella della Comunità Europea, vieta di fare uso di sigarette in tantissimi luoghi pubblici, dove ci sia la possibilità di incontrare altre persone, ma anche in macchina in presenza di un minore o di una donna incinta. In pratica si può fumare solo all’aria aperta, ma dove non ci sia assembramento di persone, a meno che non siano delimitati particolari spazi per fumatori. Oppure si può fumare in casa propria, così come nei locali espressamente adibiti ai fumatori. E con le sigarette elettroniche? Inizialmente, trattandosi di un prodotto sconosciuto ai più, vigevano le medesime restrizioni esistenti per le sigarette tradizionali, ma oggi le cose sono un po’ diverse. Per ulteriori informazioni sulle sigarette elettroniche potete consultare il sito SvapoMagOnline.net.

La legge sulle sigarette elettroniche


La legge italiana vieta di fumare le sigarette elettroniche nei locali chiusi, nelle scuole statali e paritarie, nelle scuole delle comunità di recupero, negli istituti di correzione minorile e nei centri per l’impiego e la formazione professionale. In tutti gli altri luoghi si possono utilizzare questi dispositivi, quindi anche nei ristoranti, nei bar, nei cinema, sul treno e così via.

La realtà quotidiana


Se la legge non vieta espressamente di utilizzare le e-cig in moltissimi luoghi pubblici, è pur vero che non vieta neppure ai gestori e ai proprietari di questi luoghi di decidere come preferiscono. Quindi nei bari o nei ristoranti il proprietario può decidere, insindacabilmente, di vietare l’utilizzo delle sigarette elettroniche. Lo stesso dicasi sulle navi, sui treni o sugli aerei. In particolare alcune compagnie aeree e alcune società di gestione ferroviaria hanno vietato l’uso di questi dispositivi sui loro veicoli. In ufficio volendo si può fumare, ma molto dipende da cosa pensano di questa pratica il capoufficio, la proprietà dell’azienda o anche i colleghi, che possono richiedere che tale pratica venga vietata, o che siano istituite delle aree dove utilizzare le sigarette elettroniche. Molto dipende quindi dalla situazione in cui ci si trova e dalle persone che si frequentano.

I minorenni


In particolare conviene ricordare che è fatto divieto ai commercianti di vendere ai minorenni le sigarette elettroniche e anche i liquidi contenenti nicotina. In caso di vendita il commerciante può incorrere in multe salate, che aumentano notevolmente se si consegna il prodotto incriminato non a un singolo minorenne, ma ad un gruppo di ragazzi che non ha raggiunto la maggiore età.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*